Ciao mamma, vado via qualche giorno

xm_feb_15

Annunci

Cose note di X-MARILLAS

– Non è uno split tra noi e i Camillas, bensì una raccolta di pezzi scritti da noi o da loro, portati alle registrazioni in forma embrionale e poi arrangiati/suonati/immortalati insieme;

– Lo abbiamo completato, partendo appunto quasi da zero, in un giorno e mezzo;

– Conterrà cinque brani;

– La tiratura iniziale sarà soltanto di 500 copie in VINILE A 45 GIRI + DOWNLOAD;

– Sarà coprodotto da noi gruppi e da una cordata di etichette indipendenti;

– Uscirà in primavera.

Primo rapporto trimestrale 2012

Gennaio, febbraio, marzo, quante cose: in gennaio abbiamo finito un disco (GREEN TUBA, lo trovate qui e qui ed è stato già recensito in qualche angolo del web e in qualche pagina della carta stampata), in febbraio il nostro storico bassista Jean-Luc D si è preso un congedo a tempo indeterminato per inseguire il sogno di una vita (allevare varani di Komodo), e il suo posto è stato preso da Atros, che suona anche qui e qui. Evitiamo le manfrine sugli abbandoni e/o sui cambiamenti, come forse già sapete siamo un gruppo liquido e a geometria variabile, non sarà un’aspettativa di Komodo a farci venire le lacrime agli occhi. Sempre in febbraio abbiamo fatto qualche prova e cominciato a suonare (qui e qui un paio di bei reperti video, e altri ne arriveranno) per portare GREEN TUBA in giro (a proposito, grazie per averne già comprate così tante copie). Marzo è stato pazzerello, ci sono saltati un paio di concerti per cause di forza maggiore ma ci rifaremo. Aprile sarà un mese di pausa e altre prove a geometria variabile, se tutto va bene i concerti di maggio li faremo in formazione a CINQUE, ma non vi diciamo altro, incrociamo le dita e basta.

Più di un demo, meno di un disco

(Forse sapete già di cosa si tratta)

Venti anni di gita scolastica è meno di un disco: l’abbiamo registrato in una sera, reduci da pranzi pasquali e da uno spuntino a base di cinese d’asporto, improvvisando il novanta per cento dei pezzi al momento e arrangiandoli seduta stante, senza sovraincisioni, senza correzioni.

Ma Venti anni di gita scolastica è anche più di un semplice demo di roba registrata a caso, come facevamo da giovani: per immortalarlo siamo andati in studio e ci siamo fatti microfonare per bene. In più, visto quanto poco costa ormai stampare i dischi, ne abbiamo approntato una versione semiseria, con Cd di fabbrica (niente Cd-r) e bustina regolare. Però resterà un’edizione leggermente fuori dai canali ufficiali: si comprerà soltanto ai nostri concerti (vedi qui per il programma di gennaio, e non è detto che il 2011 non ci riveda in pista come ai vecchi tempi dopo un annetto di pausa) oppure tramite Le Arti Malandrine, l’etichetta che gentilmente ci dà una mano con la produzione esecutiva.

Restate sintonizzati, ché le novità non finiscono qui.