Cinque piccoli indiani

Tra cinque giorni parte il giro promozionale di maggio, sei concerti quasi tutti al centro-sud, più una puntata dalle nostre parti per chiudere in bellezza (le date precise qui). E dopo mesi e mesi passati a far bollire l’idea in pentola, abbiamo deciso di provarci e allargare la formazione (solo per queste date, badate) a cinque elementi. Ci era già capitato di suonare con El Guiro alle percussioni, o addirittura con due batteristi (nel 2008, a Ospedaletto Lodigiano), ma un tastierista-polistrumentista che arricchisse gli arrangiamenti dal vivo non l’abbiamo mai avuto. E la notiziona è che detto tastierista è Fabio “Gagisto” Magistrali, che dopo averci fatto da fonico (e “produttore”, se di “produzione” vogliamo parlare) per cinque dischi, ha deciso di mettersi in gioco come performer.

Poi in teoria dovremmo anche avere le nuove magliette, ma siamo un po’ tirati con i tempi, quindi abbiate pazienza: quando sarà il momento pubblicheremo foto e tutto.

Corriamo a fare le prove.

Primo rapporto trimestrale 2012

Gennaio, febbraio, marzo, quante cose: in gennaio abbiamo finito un disco (GREEN TUBA, lo trovate qui e qui ed è stato già recensito in qualche angolo del web e in qualche pagina della carta stampata), in febbraio il nostro storico bassista Jean-Luc D si è preso un congedo a tempo indeterminato per inseguire il sogno di una vita (allevare varani di Komodo), e il suo posto è stato preso da Atros, che suona anche qui e qui. Evitiamo le manfrine sugli abbandoni e/o sui cambiamenti, come forse già sapete siamo un gruppo liquido e a geometria variabile, non sarà un’aspettativa di Komodo a farci venire le lacrime agli occhi. Sempre in febbraio abbiamo fatto qualche prova e cominciato a suonare (qui e qui un paio di bei reperti video, e altri ne arriveranno) per portare GREEN TUBA in giro (a proposito, grazie per averne già comprate così tante copie). Marzo è stato pazzerello, ci sono saltati un paio di concerti per cause di forza maggiore ma ci rifaremo. Aprile sarà un mese di pausa e altre prove a geometria variabile, se tutto va bene i concerti di maggio li faremo in formazione a CINQUE, ma non vi diciamo altro, incrociamo le dita e basta.

La musica è finita

Sì, il nostro nuovo disco è finito, almeno per quanto riguarda le registrazioni: abbiamo il master e stiamo accelerando con la fase esecutiva della produzione (in parole povere, stiamo finendo di impaginare la copertina e preparando i pacchi da mandare agli stampatori). Per ora possiamo dirvi che come “Tutto Bano” uscirà in confezione Lp + Cd, ma è possibile che ci sia una ghiotta anteprima in formato elettronico; ci saranno cinque/sei etichette a coprodurlo; abbiamo già organizzato qualche concerto di presentazione a fine febbraio, ma ne seguiranno sicuramente altri; si intitola GREEN TUBA, contiene ventuno brani ed è idealmente un doppio album distribuito su quattro lati, pieno zeppo di roba. Per ora è tutto.

Cosa facciamo da qui a fine anno

Organizziamo qualche concerto (tenete d’occhio la pagina per restare aggiornati), proviamo più del solito per rifinire una dozzina/ventina di canzoni, pianifichiamo il lungo viaggio per andare a registrarle lontano da casa. Non è poco.

Cosa facciamo da qui a fine mese

Un po’ siamo in vacanza, un po’ suoniamo.

Per esempio: ieri sera siamo stati in saletta per la seconda volta in dieci giorni, mai successo a memoria d’uomo. L’idea è quella di registrare un disco quest’autunno, per ora stiamo discutendo il come e il dove.

Poi, sabato sera C’era una volta ai Bastianelli. Suoniamo da Zab a Monzambano, letteralmente da lui nella sua cucina, quindi è una cosa un po’ privata. Per info 1) cercate l’evento su Facebook, se usate Facebook; 2) scriveteci una mail a anthonyvangon chiocciola yahoo punto it. L’orario è undici/undici e mezza, prima di noi mezzanottEunminuto, dopo dj set a palla.

Giovedì 18 invece apriamo la serata del Balla coi cinghiali, “come a Woodstock ma si mangia meglio”. Probabilmente batteremo il record di palco più grosso sui cui abbiamo mai messo piede, l’orario è otto/otto e mezza, i dettagli tutti qui.

Dulcis in fundo, sabato 27, Gioasteka, una gara di ruote in discesa in Svizzera. Anche qui, link, e qualche info la settimana prossima.

Menu dei concerti, una saporita zuppa di classici e cose recenti, più una spolverata di novità. Abbiamo una dozzina abbondante di pezzi nuovi e cercheremo di distribuirli tutti qui e là. Oplà.

Programmi progetti burrasche

Abbiamo suonato poco, nelle ultime settimane, ma è piovuto tanto, e quando non è piovuto ci hanno mandati sul palco alle tre del mattino (non è record, ma si piazza ai primi posti). Comunque grazie a chi ci ha dato la corrente elettrica, le birre e i soldi e gli applausi, e arrivederci ai prossimi concerti, pochi ma affollati. Per esempio il 30 luglio suoniamo a Elettrozolla con tanti fratelli, per la precisione Camillas, Turù e Brace, e non è detto che non saltino fuori robette come questa: